Amianto

I nostri tecnici effettuano un sopralluogo nella vostra azienda al fine di determinare il rilascio di fibre di amianto nell'ambiente di lavoro e per la predisposizione di un programma di controllo dei materiali presenti nell'insediamento produttivo.
Il monitoraggio ambientale tuttavia non può rappresentare da solo un criterio adatto per valutare il rilascio di fibre, in quanto consente essenzialmente di misurare la concentrazione delle stesse nell'aria al momento del campionamento, senza ottenere alcuna informazione sul pericolo che l'amianto possa deteriorarsi o essere danneggiato nel corso delle normali attività.
La SCAE SAS è in grado di effettuare in collaborazione con laboratori Acreditati e Certificati le Analisi dei materiali contenenti Amianto in particolare:

1) ESAME VISIVO:
- Friabilità del Materiale
- Presenza di crepe o rotture
- Affioramento di fibre in superficie
- Presenza di materiale friabile in gronda
- Presenza di polveri conglobate in stalattiti

2) ESAME MICROSCOPICO MOCF E SEM

3) DETERMINAZIONE QUANTITATIVA delle Polveri e Fibre libere

AMIANTO

Con il termine Amianto o Asbesto si individuano una serie di mineraliconosciuti sin dall’antichità per le loro caratteristiche fisiche e tecniche. I termini amianto e asbesto in greco significano incorruttibile, perpetuo ed inestinguibile e tali aggettivi denotano già alcune delle eccezionali caratteristiche tecniche di questo materiale. In natura esistono molti tipi di amianto, ma quelli maggiormente utilizzati sono:

  • SERPENTINO: Crisotilo (amianto di colore bianco-grigio)
  • ANFIBOLI : Crocidolite (amianto di colore azzurro-blu), Amosite (amianto di colore bruno)

La pericolosità dell’amianto è dovuta, alla sua capacità di rilasciare fibre estremamente fini che possono essere inalate dall’uomo.
Un aspetto particolarmente importante che caratterizza la loro pericolosità è la composizione di fibre (o fibrille) che, a causa della loro estrema leggerezza e sottigliezza, si disperdono nell’aria molto facilmente e vi permangono a lungo. In sostanza l’amianto è una fibra invisibile ad occhio nudo, molto leggera ed una volta liberata rimane a lungo sospesa nell’aria dell’ambiente, continuando a depositarsi per gravità ed a risollevarsi per spostamenti d’aria anche minimi. 
Il rilascio delle fibre è poi facilitato da un altro attributo dell’amianto: la friabilità
Infatti l’amianto, sia allo stato puro, come quello usato per la coibentazione, sia miscelato, come quello usato nei materiali di cementoamianto, si può sbriciolare sotto la semplice pressione delle dita per cui basta una modesta corrente d’aria perché le sue fibre si disperdano nell’ambiente e quindi costituiscano un rischio per chi le respira.

I DANNI PROVOCATI DALL'AMIANTO

La respirazione di fibre di amianto, può determinare diverse malattie, generalmente tumori, caratterizzate da un certo intervallo di tempo fra l'inizio dell'esposizione e la comparsa della malattia stessa.Il rischio per la salute è direttamente legato alla quantità ed al tipo di fibre inalate e alla predisposizione personale a sviluppare le malattie. 
Le principali patologie correlate all’amianto sono:

  • placche pleuriche;
  • asbestosi;
  • carcinoma polmonare;
  • mesotelioma​​​​​​​

Per ulteriori informazioni chiamaci allo 0761 587869 dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 19 oppure clicca qui in basso per richiedere una consulenza gratuita
Richiedi Consulenza

Amianto2
​​​​​​​